Video - Il mio nome è...

20/05/18

«Perché i padri si convertano ai figli»

Problema od opportunità? Molte persone, pur credenti e assetate di una liturgia ben celebrata, affermano di non partecipare più regolarmente alla messa domenicale. Sono scoraggiate dal fatto – triste e troppo generalizzato – di imbattersi in comunità che non accolgono con gioia chi vuole partecipare all’Eucaristia, e in omelie che non solo non aiutano a pregare, ma comunicano tristezza

continua

06/05/18

Sulle orme del discepolo amato

“Il discepolo che Gesù amava”. «Fissando lo sguardo su Gesù che passava, (Giovanni il Battista) disse: “Ecco l’agnello di Dio!”. E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: “Che cosa cercate?”. Gli risposero: “Rabbì – che, tradotto, significa Maestro –, dove dimori?”. Disse loro: “Venite e vedrete”. Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio» (Gv 1,36-39).

continua

23/04/18

La vocazione all’amore

«Come se…». «Quelli che hanno moglie, vivano come se non l’avessero» (1Cor 7,29). Con questa frase, San Paolo intende mettere in risalto che Dio deve stare al primo posto nella nostra vita ed essere amato più dei genitori, degli amici, del coniuge e dei figli. Il Padre vuole essere al centro della nostra esistenza, Cristo il vero “Sposo” del cristiano e lo Spirito Santo quell’Amore che dà un senso, una bellezza e un gusto al nascere, al vivere e al morire.

continua

08/04/18

Giovani: forti nella debolezza

Per ritrovare la gioia d’amare. Nell’ottobre 2018 si terrà la XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. Nel Documento preparatorio di questo grande evento, che coinvolge i vescovi di tutto il mondo e un gruppo consistente di esperti, si specifica lo scopo di questa assise: mettersi in ascolto di tutti, nessuno escluso, senza rigidità che rendono meno credibile la gioia del Vangelo e senza anacronismi.

continua