Video - Il mio nome è...

23/04/18

La vocazione all’amore

«Come se…». «Quelli che hanno moglie, vivano come se non l’avessero» (1Cor 7,29). Con questa frase, San Paolo intende mettere in risalto che Dio deve stare al primo posto nella nostra vita ed essere amato più dei genitori, degli amici, del coniuge e dei figli. Il Padre vuole essere al centro della nostra esistenza, Cristo il vero “Sposo” del cristiano e lo Spirito Santo quell’Amore che dà un senso, una bellezza e un gusto al nascere, al vivere e al morire.

continua

08/04/18

Giovani: forti nella debolezza

Per ritrovare la gioia d’amare. Nell’ottobre 2018 si terrà la XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. Nel Documento preparatorio di questo grande evento, che coinvolge i vescovi di tutto il mondo e un gruppo consistente di esperti, si specifica lo scopo di questa assise: mettersi in ascolto di tutti, nessuno escluso, senza rigidità che rendono meno credibile la gioia del Vangelo e senza anacronismi.

continua

24/03/18

Divieto di parcheggio al Calvario

Quando la legge è maledizione. «Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della Legge, diventando lui stesso maledizione per noi, poiché sta scritto: Maledetto chi è appeso al legno» (Gal 3,13). Questa espressione di San Paolo può essere esemplificata nell’inizio del 28° capitolo del Vangelo di Matteo. Per comprenderlo è necessario porre una premessa. Ogni affermazione del Vangelo – anche quelle che apparentemente sembrano insignificanti o riguardanti un semplice accenno cronologico – presa sul serio, è gravida di significati. È proprio questo il caso del racconto della Risurrezione.

continua

18/03/18

Iniquità, raffreddamento dell’amore e persecuzione

Conflitto tra iniquità e amore. Secondo l’evangelista Matteo c’è un conflitto tra il dilagare dell’“anomia” (mancanza di legge e prevalere dell’iniquità) e l’“agape” (amore verso tutti, compresi i nemici). Il dilagare dell’iniquità raffredda l’amore in molte persone, afferma Gesù riferendosi ai tempi finali, alla sua seconda venuta sulla terra. Parla di eventi drammatici: si scuotono le fondamenta della terra, si sconvolgono i rapporti tra le persone, il mondo è preda di forze disgreganti. La crisi è tanto grande da non risparmiare neppure i discepoli, sconvolti – nella stessa Chiesa – da rivalità, violenze e persecuzioni.

continua